Senza categoria

Situazioni di pericolo e processamento cerebrale.

Secondo uno studio francese, il cervello umano è in grado di rilevare minacce sociali in maniera automatica entro pochi millisecondi. Nel corso della ricerca, sono stati misurati i segnali elettrici a livello cerebrale di un campione di soggetti in relazione ad espressioni facciali generalmente interpretate come minacciose. In tutti i partecipanti, tali stimoli suscitavano risposte più immediate rispetto a quelli emotigeni con minori indizi di pericolosità. I dati sono stati letti alla luce di una funzionalità evolutiva che consente risposte adattive maggiormente veloci ed efficaci per fronteggiare i pericoli. In particolare, l’ansia è risultata un tratto discriminante gli individui: coloro che erano più ansiosi utilizzavano aree cerebrali diverse in risposta agli stimoli sociali minacciosi, ovvero impiegavano i circuiti motori deputati alla regolazione delle azioni; invece, i soggetti con bassi livelli d’ansia attivavano in misura maggiore le aree sensoriali tipicamente coinvolte nel processamento delle espressioni del volto.

Fonte: StateOfMind.it.

Annunci
Senza categoria

I cani sono capaci di riconoscere le emozioni umane.

Un recente studio pubblicato sulla rivista Biology Letters ha dimostrato che i cani sono capaci di riconoscere le emozioni umane, semplicemente guardando le espressioni dipinte sul volto del proprio padrone e ascoltandone la voce. E’ stato scoperto, infatti, che il migliore amico dell’uomo possiede una rappresentazione mentale di tutti gli stati emotivi, una sorta di sistema di classificazione interna degli stessi. La ricerca ha preso in esame le reazioni di 17 cani, ai quali sono state mostrate le immagini di alcuni loro simili e di persone che esprimevano emozioni positive e negative, accompagnate da un determinato suono (un abbaio o una voce umana) indicante uno stato d’animo favorevole od ostile. Nel corso dell’esperimento, è emerso che gli animali trascorrevano molto più tempo ad osservare le espressioni facciali quando associate allo stato emotivo della vocalizzazione.

Fonte: IlSole24Ore.com.